Sarà l’Inps a sviluppare il calcolo dei contributi prima dell’iscrizione definitiva – A due giorni dall’apertura ufficiale della sanatoria 2012, anche l’INPS si è mossa per rilasciare una circolare importante che riguarda le posizioni fiscali e contributive dei datori di lavoro che hanno l’intenzione di regolarizzare cittadini extracomunitari.

Il contributo da versare. Dopo aver effettuato il pagamento forfettario di 1.000 euro seguendo le istruzioni date anche dal Ministero dell’Interno, e aver presentato la domanda di emersione, all’atto della convocazione presso lo Sportello Unico, il datore di lavoro dovrà dimostrare di aver assolto ad ogni obbligo a titolo retributivo, contributivo e fiscale pari ad almeno sei mesi o comunque per l’intero periodo di durata del rapporto, se maggiore.

Il codice fiscale provvisorio. Nel caso del lavoro domestico, si dovrà utilizzare il modello EM-DOM. Dopo l’invio della domanda, l’INPS provvederà all’iscrizione d’ufficio del rapporto di lavoro domestico, nell’archivio LAV DOM, attribuendo un codice provvisorio, contraddistinto dai numeri iniziali 8912. Al lavoratore sarà assegnato un codice fiscale numerico provvisorio “8888812NNNNNNNNN” e l’Inps invierà al datore di lavoro il bollettino MAV per il pagamento dei contributi precalcolati in base ai dati dell’iscrizione della domanda.

Pagamento dei contributi. All’atto della convocazione presso lo sportello unico per l’immigrazione, per dimostrare la regolarità contributiva, il datore di lavoro dovrà quindi esibire i MAV regolarmente pagati, accompagnati dalla parte a disposizione del datore di lavoro in cui sono riportati i dati che hanno determinato l’importo, relativi al pagamento dei contributi dall’inizio del rapporto di lavoro fino all’ultimo trimestre scaduto.

Iscrizione definitiva. Con la sottoscrizione del contratto di soggiorno non c’è l’obbligo della comunicazione dell’assunzione e pertanto dalla data di inizio del rapporto di lavoro ivi indicata, l’INPS provvederà all’iscrizione definitiva del rapporto di lavoro, rilasciando un nuovo codice e cessando d’ufficio il rapporto di lavoro iscritto provvisoriamente, contraddistinto dal codice 8912, al giorno precedente a quello indicato nel contratto di soggiorno.

Inizio rapporto lavorativo. Nel caso in cui il datore di lavoro voglia specificare che la data d’inizio del rapporto lavorativo sia antecedente al 9 maggio 2012, potrà farlo, durante il periodo di iscrizione provvisoria, variando la data inizio o dal sito ufficiale dell’Inps. Avvenuta l’iscrizione definitiva, fermi restando i limiti di prescrizione quinquennale, i periodi di lavoro antecedenti al 9 maggio dovranno essere dichiarati compilando il mod. LD15.

E’ fondamentale ribadire che l’avvenuta presentazione della dichiarazione determina la sospensione dei procedimenti penali ed amministrativi per le violazioni delle norme relative all’ingresso e al soggiorno sul territorio nazionale e delle norme relative all’impiego di lavoratori, di carattere finanziario, fiscale, previdenziale e assistenziale. La sottoscrizione del contratto di soggiorno e la contestuale comunicazione obbligatoria di assunzione comportano l’estinzione dei reati e degli illeciti amministrativi.